Il Sentiero di Luce

Forum pagano che tratta di religione e natura, dove imparare, condividere e crescere...
 
IndicePortaleGuest BookCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi
Gli utenti al momento della registrazione sono pregati di leggere il regolamento, nella cartalla "Regolamento & Comuncazioni" e prima di postare sul forum devono presentarsi nella cartella "l'Altare". In caso contrario si procederà come da regolamento stesso. Melahel

Condividere | 
 

 calendario druidico....

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
arsen
Specialista
Specialista
avatar

Maschile
Ariete Gallo Numero di messaggi : 175
Età : 24
Localizzazione : lucca
Data d'iscrizione : 28.11.08

MessaggioTitolo: calendario druidico....   Gio Mar 12, 2009 7:18 pm

MESE D’OGRONIOS (LA RINASCITA)

Iniziava il 21 marzo, all’Equinozio di Primavera. Era dedicato a Ouvana, divinità dispensatrice la Sophia (conoscenza) e vettrice del pensiero creativo. Il mese si identificava nel segno zodiacale dell’Ariete. Si accendevano sulle colline dei fuochi di gioia. Si celebrava l’uovo universale e la tradizione voleva che si offrissero delle uova colorate (l’uovo di Pasqua è il sopravvivere di questo costume). Il 1° aprile si svolgeva la festa dei padrini dove si decideva, per i bambini, la scelta di una vocazione professionale e la loro presa in carico da parte dei padrini incaricati di educarli e di far loro apprendere un mestiere. Era il Druido che sceglieva il padrino e gli affidava il ragazzo. Il 7 aprile cominciavano i 14 giorni delfiniani dedicati alla gloria di Bélénos e del Sole al cui carro era attaccato, dice la leggenda, da una quadriga (4 cavalli scalpitanti). Nel corso di questi giorni si teneva la festa dei cereali. Il 15 aprile c’era la Festa delle Madri, nel corso della quale i bambini onoravano la propria madre offrendole dei doni realizzati con le loro mani e secondo la loro immaginazione. La Festa delle madri, risorta dal paganesimo, è stata recuperata al suo onore nel corso dell’ultima guerra.


MESE DI PUTIOS

Cominciava il 21 aprile ed era dedicato a Branwen, la Dea dai seni bianchi, incarnante la donna e, attraverso di essa, la madre universale. Questo mese era riservato all’allevamento del bestiame, si identificava col segno del Toro, animale che esprimeva gli ardori genetici. Il 27 aprile avevano luogo i pellegrinaggi ad ogni monte sacro dove si ergeva un santuario di una divinità protettrice. Il 1° maggio iniziava la grande FESTA DI BELTAINE nel corso della quale si procedeva all’accoppiamento degli animali prima di partire per la transumanza o il pascolo. I Druidi procedevano alla benedizione dei pastori e delle loro greggi e si eseguiva la purificazione delle bestie obbligandole ad attraversare una cortina di fiamme. Quel giorno la tradizione voleva che si donassero fiori a parenti ed amici. Lo stelo di mughetto offerto il 1° maggio è la sopravvivenza di questa tradizione. Branwen incarnava la femminilità, la maternità, la donna, la sposa, l’amante spirituale; in una parola l’Amore in tutte le sue espressioni. Il suo culto in Gallia era molto diffuso.

Il MESE DI GIAMONIOS (I GEMELLI) corrispondeva al Segno dei Gemelli dove Bélénos aveva un trono. Cominciava il 21 maggio ed era consacrato alle arti, ai giochi di spirito ed alle performances atletiche. I "Giochi florali" (organizzati ogni anno a Tolosa) e le "Corti d’amore" del Medio Evo furono reminescenze di celtismo. Il termine gemelli si indirizza particolarmente ai due astri: il Sole e la Luna. Bélénos era il dispensatore delle arti mediche e prendeva a questo titolo il soprannome di Bornos protettore delle sorgenti curative. Borvos si è francesizzato in seguito in Borbos, poi in Bourbon (Borboni), ciò che si pensa spinse Luigi XIV a farsi chiamare Re Sole della Dinastia dei Borboni. Verso il 1° giugno, si sollecitava la protezione di Rosmerta. Si deponevano dei rami di biancospino sulle soglie delle case al fine di scongiurare la cattiva sorte. Il 15 giugno era il giorno dove si riceveva sull’altare druidico il giuramento di fede sotto gli auspici di Teutatés e di Rosmerta, guardiani dell’altare (la pietra cubica); i giuramenti di fraternità d’armi erano resi ad Hésus da parte dei Cavalieri così come Vulcano li riceveva dagli artigiani, la Dea Madre dalla gente della terra e Taranis da quella del mare. Notiamo che i lavori collettivi svolti nei campi e nei laboratori erano ritmati da un musicista con la sua "crota" (una sorta di lira) o dal coro dei lavoratori.

MESE DI SIMNISOMNIOS (TEMPI DI SONNI CORTI) così chiamato perché le notti in questo periodo dell’anno sono brevi. Corrispondeva al Segno del Cancro, il quale era votato a Lug o Lugos, il Dio conduttore dei popoli e suo iniziatore. La grande luminosità del sole dei giorni più lunghi incitava ad una grande attività. Questo mese iniziava il 21 giugno con la celebrazione del Solstizio d’Estate, riservata principalmente ai lavori agricoli, al commercio, ai viaggi. Era l’epoca delle grandi fiere. Il 7 luglio era riservato ai giochi atletici e il 19 aveva luogo la Festa dei Boschi sacri. Era in onore del Dio Sylvanos, spesso confuso con Hésus.

MESE D’EPIOS (LE SPIGHE)
Corrispondeva al Segno zodiacale del Leone dove si trovava il trono di Teutatés, Dio supremo, Maestro del Cosmo, dispensatore di civiltà, rappresentante la giustizia immanente, incarnante il grande infinito. Questo mese iniziava il 21 luglio. Era il mese riservato alle assemblee deliberative nel corso delle quali si discutevano le decisioni importanti da prendere in ambito religioso, civile, militare e sociale. I Druidi e i membri dell’Ordine presiedevano le riunioni dove si ritrovavano i re, i cavalieri, i capi-clan, i notabili, come un preludio degli Stati Generali del Medio Evo. Allorquando il Re Filippo il Bello, il 10/4/1302 convocò i tre Ordini degli Stati Generali, nella sede di Notre-Dame a Parigi, costruita un tempo sul Santuario consacrato a Teutatés e a Hésus, egli non fece che riprendere la tradizione druidica. Le assemblee deliberative dei nostri lontani avi si tenevano sempre in luoghi consacrati. Il 23 luglio veniva celebrato il culto degli alberi sotto l’auspicio di Sylvanos; non dimentichiamo che all’epoca della sua indipendenza la Gallia era un paese coperto di immense foreste da cui il suo nome di "Gallia capelluta". Il 1° agosto si celebrava la grande FESTA DI LUGNASAD che chiudeva le grande fiere regionali, festività e festeggiamenti messi sotto la benedizione del Dio Lug. Possiamo ammettere che la Fiera di Troyes, in Champagne, di Landy a Saint Denis, del Monte Beuvray nel Morvan, così come alcune altre nel mezzogiorno della Francia, sono la continuazione di quelle esistenti in Gallia. Il 2 agosto cominciavano i 14 giorni canicolari, indicanti il grande caldo. In questo periodo si credeva che il carro solare fosse trainato da dei dragoni che lanciavano delle fiamme, bruciando il vello della foresta. Il 15 agosto si rendeva onore alla Dea-Madre, la madre divina, così come alle divinità ctonie, fecondatrici del Sole.

MESE D’ELEMBIVIOS (GLI INCROCI DELLE STRADE)
Era dedicato alla Dea-Madre, la madre divina incarnante la terra nutrice. Questo mese si identificava con il Segno zodiacale della Vergine astrale, guardiana delle Porte del Cielo. Era il tempo della mietitura e del rientro dei raccolti, riservato alla glorificazione delle colture e della vita campestre. Si celebrava il culto reso alle divinità della terra e agli animali domestici; si procedeva alla benedizione dei campi e si decorava il bestiame con ghirlande di fiori. All’inizio di questo mese, che iniziava il 23 agosto, si procedeva al sacrificio di una scrofa, animale fecondo per eccellenza, per rendere omaggio alla Dea Madre che aveva il suo trono nel Segno della Vergine. Era principalmente nel corso di questo mese che si rendeva il culto alle divinità protettrici delle sorgenti e dei corsi d’acqua. In pellegrinaggio ci si recava al loro santuario. Possiamo affermare che la maggior parte dei fervori resi ai giorni nostri alle Vergini Nere, sono le sopravvivenze delle devozioni pagane alle divinità celtiche delle foreste, delle colline, delle sorgenti ed in generale di tutti i luoghi dove l’uomo antico comunicava con la natura. Il 22 settembre era il giorno Omega dell’anno celtico.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.larosanera.forumfree.it
Basileusofias
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile
Acquario Cavallo Numero di messaggi : 508
Età : 26
Localizzazione : Paradiso della conoscenza
Data d'iscrizione : 24.11.07

MessaggioTitolo: Re: calendario druidico....   Gio Mar 12, 2009 8:29 pm

Molto interessante Arsen...complimenti...

Il mondo druidico mi ha sempre affascinato ma non ho mai avuto modo di approfondire...

_________________
Il mondo purtroppo è in mano agli stolti!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://giu91.badoo.com/
arsen
Specialista
Specialista
avatar

Maschile
Ariete Gallo Numero di messaggi : 175
Età : 24
Localizzazione : lucca
Data d'iscrizione : 28.11.08

MessaggioTitolo: Re: calendario druidico....   Gio Mar 12, 2009 9:20 pm

sono lieto che vi interessi la nostra coltura....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.larosanera.forumfree.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: calendario druidico....   

Tornare in alto Andare in basso
 
calendario druidico....
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Come organizzare il calendario delle attività giornaliere per un bambino con disturbo pervasivo dello sviluppo?
» Il calendario dell'avvento
» Calendario divieti di circolazione mezzi pesanti 2015
» Calendario ovulatorio o VULVODINIA.INFO
» CALENDARIO MASSONICO

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Sentiero di Luce :: Il Sentiero :: Storia & Mitologia :: Paganesimo & Religioni-
Andare verso: