Il Sentiero di Luce

Forum pagano che tratta di religione e natura, dove imparare, condividere e crescere...
 
IndicePortaleGuest BookCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi
Gli utenti al momento della registrazione sono pregati di leggere il regolamento, nella cartalla "Regolamento & Comuncazioni" e prima di postare sul forum devono presentarsi nella cartella "l'Altare". In caso contrario si procederą come da regolamento stesso. Melahel

Condividere | 
 

 I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
magik
Aiutante
Aiutante
avatar

Femminile
Bilancia Cane Numero di messaggi : 259
Etą : 23
Localizzazione : avellino
Data d'iscrizione : 23.03.11

MessaggioTitolo: I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA    Mar Set 06, 2011 10:38 pm

I celti sono, e saranno per sempre la popolazione che pił mi affascina. Con la loro storia intrisa di magia, con i loro canti spirituali e con i loro druidi attirano la mai curiositą oltre ogni dire.
L'origine lontana delle genti dette "celtiche" č tuttora un argomento controverso, sebbene le principali scuole archeologiche concordino con la visione di un ceppo indoeuropeo che, dopo un pił o meno lungo stanziamento nelle steppe caucasiche a contatto diretto con popolazioni scitiche, si sarebbe messo in marcia verso il Centro-Europa, giungendovi alfine attraverso i Balcani e dilagandovi attraverso la pianura Padana e il corso dell'alto Danubio. Ma prima, in quell'oscura epoca che vide genti indoeuropee invadere l'egitto e farvi fiorire la civiltą, fondare gli imperi degli Hittiti e dei Marcomanni, dilagare in Grecia dando il via alla "cultura classica" e colonizzare il Lazio ponendo le basi della grandezza di Roma; prima di tutto ciņ, chi erano questi "indoeuropei"?
Un originale contributo alle possibili risposte a questa domanda viene qui presentato dall'intervento del Dottor Farinacci, che certo in futuro farą molto discutere. Venendo a contatto con i popoli megalitici che gią popolavano l'Europa i Celti, pił di altri gruppi indoeuropei, vi si mescolarono e ne assorbirono profonde conoscenze matematico-astronomiche che ancora oggi affascinano gli archeoastronomi.
"L'enigma della stele di Turoe" scritto dal Dottor Adriano Gaspani, ormai noto , ci avvicina un po' di pił proprio a questo tipo di problematiche, ponendo l'accento sui dati archeologici e sulle domande senza risposta che da essi scaturiscono.

Ma passando ai Druidi...
I Druidi
La vita pubblica e privata dei Celti era sotto il controllo dei Druidi, considerati al vertice della piramide sociale, ma indipendenti dai meccanismi che la regolavano.
Essi presiedevano al culto ed esercitavano la loro autoritą nella sfera morale e culturale. Mediante "specializzazioni" vi erano tra loro sacerdoti, astrologhi, interpreti dei segni divini, giudici, maestri e uomini di scienza. Risulta quindi riduttivo definirli "sacerdoti".
L'istituto druidico oltre che una caratteristica originale della societą celtica, era anche un elemento unificante tra le varie tribł, dal Nord Europa alla Galazia. Infatti, vi erano periodicamente assemblee di Druidi appartenenti a tribł diverse, che potevano essere anche in guerra tra loro.
Esonerati dal sevizio militare, quando non celebravano i loro "riti", facevano "scuola all'aperto", richiamando da ogni parte giovani e adulti che accorrevano spontaneamente ad ascoltare i loro insegnamenti, a volte arrivando a studiare per vent'anni.
Nonostante fosse diffuso l'uso dell'alfabeto greco, la trasmissione del sapere era essenzialmente orale e basata sul continuo esercizio della memoria.
Scopo dell'insegnamento druidico era la conoscenza della natura, delle sue energie, telluriche e cosmiche, delle sue leggi e dei suoi ritmi. Da ciņ nasceva un rapporto molto stretto, rispettoso e armonioso con la natura.
I Druidi, nel risolvere le controversie pubbliche o private, valutavano i motivi del contendere e stabilivano le pene e i risarcimenti, sia che si trattasse di reati penali, fino all'omicidio, o civili, come le questioni di ereditą o di confine. Se il singolo o l'intera tribł non accettava il loro verdetto essi ricorrevano alla massima pena: l'interdizione ai "riti", che comportava l'isolamento dal resto del popolo.
I druidi erano sacri, chi li uccideva era maledetto. La loro magia aveva dell'incredibile. Nelle loro menti si conservava tutta la storia di quel popolo. I LORO CANTI ERANO LA LORO STORIA E OGNI CANTO VOLEVA NARRARE UN EVENTO DIVERSO. Nelle menphis delle montagne dell 'inghilterra si narra di draghi che di notte infuocavano i versanti delle colline emettendo rumori agghiaccianti. Esso non erano altro che i rumori delle fucine celtiche.

un popolo stupendo Very Happy un popolo da non dimenticare


Ultima modifica di magik il Ven Ott 14, 2011 10:24 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
pagansoul
Discepolo
Discepolo


Maschile
Pesci Gallo Numero di messaggi : 62
Etą : 24
Data d'iscrizione : 10.10.11

MessaggioTitolo: Re: I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA    Gio Ott 13, 2011 3:12 pm

Citazione :
un popolo stupendo Very Happy un popolo da non dimenticare

assolutamente
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
magik
Aiutante
Aiutante
avatar

Femminile
Bilancia Cane Numero di messaggi : 259
Etą : 23
Localizzazione : avellino
Data d'iscrizione : 23.03.11

MessaggioTitolo: Re: I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA    Ven Ott 14, 2011 10:25 pm

sonno felice che la pensi come me Very Happy pegansoul
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA    

Tornare in alto Andare in basso
 
I CELTI, I DRUIDI E LA MAGIA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» VARI TIPI DI MAGIA E RITUALI MAGICI
» Angeli e magia
» POSSIBILI STESE CON L'ORACOLO DEI DRUIDI
» Consigli e suggerimenti
» Morgana al castello

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Sentiero di Luce :: Il Sentiero :: Storia & Mitologia :: Liber Historiae-
Andare verso: